FERRANIA FILM MUSEUM

La fabbrica dei sogni Italiana oggi è solo un ricordo. I contenuti multimediali del Ferrania Film Museum ci raccontano la storia della pellicola e del cinema nel nostro paese, in un viaggio tra analogico e digitale, tra reale e virtuale. In collaborazione con Fondazione 3M e il comune di Cairo Montenotte (SV).

Curatore Museo: Gabriele Mina

Autori percorso multimediale schermi: Stefano De Felici, Enrico Bonino

Digital Artist: Federico Mazza, Maddalena Oppici
Produzione: Lampo TV, DLQ Creative Factory

www.ferraniafilmmuseum.net

LOCANDINA FERRANIA

Tutto prende il via agli inizi del secolo scorso quando, verso la fine della Prima guerra Mondiale, un ingegnere con grande intuito notò come la formula chimica della dinamite si differenziasse solo per un piccolo passaggio da quella delle Pellicole Cinematografiche: un modo originale per utilizzare tutto quel nitrato d’argento. La riconversione conduce Ferrania in soli 20 anni ad affiancare la Kodak e l’Agfa come leader mondiale nel settore delle pellicole. 
Il cinema neorealista italiano, con titoli come “Roma città aperta”, “La ciociara”, “Uccellacci e uccellini”, e di molti altri cineasti di fama mondiale, come Martin Scorsese, nonché il primo film italiano che sfuggiva alle regole bicromatiche “Totò a Colori”, sono stati realizzati su pellicola Ferrania. La compagnia fu acquistata nel 1964 dall'azienda statunitense 3M e da lì comincia una discesa che la porterà a chiudere agli inizi degli anni 2000. Oggi la fabbrica sta venendo smantellata e solo pochi edifici resistono alle ruspe grazie al vincolo dei beni culturali.

MUSEO INTERATTIVO

Abbiamo portato avanti una fase di ricerca e sviluppo, durata circa un anno, di materiali di archivio cartacei e digitali, sopralluoghi alla fabbrica e interviste sulla storia di Ferrania. Abbiamo creato un affresco multimediale interattivo che è stato raccolto e organizzato in un museo finanziato dalla Comunità Europea. Le grafiche statiche e dinamiche sono state inserite nelle installazioni e negli schermi interattivi del museo, per creare delle suggestioni audiovisive che confezionino ed esaltino l’aspetto informativo e d’approfondimento.
Il Ferrania Film Museum raccoglie materiali d’archivio e creati ad hoc per restituire al territorio un luogo fisico in cui immergersi nella memoria storica della Ferrania. Le interviste svelano curiosi aneddoti legati al mondo del cinema neorealista e a quello fotografico. Una suggestiva audioguida ascoltabile direttamente dal proprio smartphone, attraverso l'utilizzo dei QRcode sparsi per il museo, conduce i visitatori attraverso i reparti della fabbrica indagando la vita dei lavoratori.

01 Menu Planimetria
01 Menu Planimetria

02 Veduta
02 Veduta

14 Veduta Notturna
14 Veduta Notturna

01 Menu Planimetria
01 Menu Planimetria

1/14

FERRANIA IMMERSIVA

Il tour virtuale 360° nella centrale dello stabilimento di Ferrania, fa parte di un progetto installativo in sviluppo che mescola l'archeologia industriale con la tecnologia VR.

DOCUMENTARIO

Il prossimo naturale sviluppo del progetto è utilizzare tutto il know-how acquisito durante la realizzazione degli schermi del museo, per costruire un web-doc interattivo fruibile online ed esportabile in differenti contesti espositivi. Il progetto on-line dovrà aprirsi alla partecipazione della popolazione sia sul territorio, tramite il museo, che nel mondo grazie a internet. L’obiettivo è raccogliere e mappare i ricordi e le emozioni di chi ha intrecciato la propria vita con la storia di Ferrania. Per ultimo vorremmo realizzare un docufilm che intrecci la storia di Ferrania con i momenti salienti del cinema neorealista, riportando la pellicola italiana nelle sale cinematografiche del mondo.